Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

aperture

“a scuola mi esclusero dalla squadra di scacchi a causa della mia statura” (woody allen)

negli anni ‘60, beth harmon, orfana di madre – due volte – e abbandonata dal padre – di nuovo due volte -, consumata dalla brutalità dell’orfanotrofio e dal bigottismo di provincia, trova rifugio nel gioco degli scacchi e si fa strada nel mondo dei campioni, un mondo maschile, razionale fino alla brutalità.

beth è la protagonista della miniserie in sette puntate la regina degli scacchi. ogni episodio prende il titolo da una diversa fase di gioco, partendo dall’apertura e per arrivare al finale. l’apertura indica la prima fase della partita, fase molto importante: i guadagni di spazio, posizione e pezzi determineranno in maniera significativa lo sviluppo della partita. l’obiettivo è disporre i propri pezzi in modo che questi possano controllare il maggior numero di case possibili e contrastare la disposizione dei pezzi avversari, che cercheranno di fare altrettanto. un’apertura giocata ad arte crea spazio per quei pezzi che più ne hanno bisogno per muoversi e per determinare l’esito di una partita. 

le aperture sono catalogate: ognuna segue uno schema preciso. e poi ci sono le aperture irregolari, caratterizzate dalla prima mossa del bianco estremamente inusuale. un’apertura irregolare crea condizioni eccezionali e fuori dell’ordinario, a cui l’altro giocatore non è preparato. è vero, però, che crea condizioni inusuali anche per chi la gioca. a condizioni insolite, infatti,  l’altro giocatore risponderà con una mossa altrettanto fuori dagli schemi. ma di fronte a un avversario particolarmente temibile, un’apertura irregolare può costituire l’unica possibilità di avere la meglio: ecco perché osare.

per aprire una partita con un’apertura irregolare e poi giocarla, dunque, occorrono grande sforzo creativo, coraggio, fiducia in se stessi – e negli altri non da meno, come accade a beth, ma non spoilero -. viviamo in tempi interessanti: quale apertura giocheremo nel 2021? la statura non è più una buona scusa.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: